Chi siamo

Se uno scrittore è tanto cauto da non scrivere nulla che possa essere criticato, non scriverà nulla che possa essere letto!
(T. Merton)

Sulla tastiera:
Renzo Curatola e Gianni Crocè

Siamo un gruppo di appassionati della montagna e dei funghi che viviamo nei pressi di una delle più belle e interessanti montagne al mondo: l’Aspromonte.
L’Aspromonte costituisce l’ultimo tratto delle ‘Alpi Calabresi’, termine con il quale i geologi indicano il complesso montuoso formato dalla Sila, dalle Serre e dall’Aspromonte, per evidenziare il fatto che queste montagne, formate da rocce cristalline – principalmente graniti – hanno un’origine ed una geologia diverse dall’Appennino vero e proprio, che invece è di origine sedimentaria a predominanza calcarea e termina a sud con il Pollino e l’Orsomarso.

Chi si interessa di micologia in Calabria non può fare a meno di conoscere i funghi che crescono in questo che è uno dei posti più belli d’Italia. Su questa superba montagna, ferita ai fianchi dalle fiumare, crescono funghi con caratteristiche a volte particolari, non presenti negli stessi funghi raccolti altrove.
In queste pagine ci saranno quindi informazioni per imparare  ad apprezzare il mondo dei funghi e l’ambiente dove nascono e crescono.

Certamente daremo uno sguardo a tutto il mondo dei funghi, dalla micologia alla micoterapia, dalla microscopia alla tossicologia in modo da poter dare informazioni utili chi voglia approfondire le  conoscenze. Senza alcuna pretesa di saperne di più, ma con l’umiltà di chi vuole rendere un servizio alla comunità. Al momento ci scusiamo per il sito che è ancora incompleto in qualche sua parte,  ma stiamo lavorando alacremente per renderlo definitivo.
Se siete interessati e desiderate più informazioni, potrete inviare una mail a Funghi d’Aspromonte

Rispettiamo l’Aspromonte!
· Nel bosco siamo ospiti e non padroni;
· Rispettiamo l’ambiente, non abbandoniamo rifiuti, non danneggiamo le piante e l’humus, non provochiamo rumori inutili;
· Facciamo sì che il nostro comportamento, civile e rispettoso, sia d’esempio per gli altri;
· Ricordiamoci che il bosco è un ambiente potenzialmente pericoloso; siamo prudenti e muoviamoci con attenzione per evitare incidenti;
· Manteniamoci il più possibile sui sentieri tracciati;
· Siamo consapevoli di dove ci troviamo e durante il cammino memorizziamo alcuni punti di riferimento, al fine di ritrovare agevolmente la via del ritorno;
· Portiamo con noi un piccolo e pratico kit di pronto soccorso contenente medicamenti di facile utilizzo, come ad esempio cerotti, bende, salviettine disinfettanti e pomate per punture di insetti;
· In caso di morso di vipera, la cosa migliore da fare è stringere con un laccio l’arto un po’ sopra i segni della ferita ed avviarsi al più vicino Pronto Soccorso;
· In caso di puntura di zecca, non cercare di estrarla da soli, ma rivolgiamoci al Pronto Soccorso.

Disclaimer:

Il sito è gestito da persone che offrono il loro contributo gratuitamente, coltivando la loro passione per lo studio dei funghi e dell’ambiente naturale, allo stesso modo tutti i contributi eventualmente offerti da altri al sito devono essere postati a titolo gratuito dai rispettivi autori.
Il sito Funghi d’Aspromonte non è un sito di un’organizzazione scientifica ma un blog di incontro e scambio di idee tra gli appassionati  e gli studiosi e quindi declina ogni responsabilità per tutto quello che può succedere durante la raccolta, l’uso e il consumo dei funghi da parte degli utenti e lettori. Le foto che corredano gli articoli, ove non specificato, sono di proprietà del Dipartimento di Micologia di  Aranzadi Spagna.
Ricordiamo dunque che ci sono le strutture in ogni città (USL) dove portare i funghi per l’identificazione prima di prendere qualsiasi iniziativa per l’uso o il consumo. I funghi, anche se identificati dalle autorità preposte,  vanno comunque consumati e usati con parsimonia perché, come diceva Seneca, “fungus, qualiscumque sit, semper malignus est!” (il fungo, qualunque sia, è sempre velenoso).