«

»

lug
18
2013

Una bella lezione sul campo

2013-07-18 19:54:03

Andar per funghi è la passione che accomuna tutti noi ed è sempre bello qualsiasi sia lo scopo dell’escursione. Ma, se oltre a trovare i soliti funghi nel bosco, riusciamo anche a coinvolgere un micologo che ci faccia una lezione sul campo allora la gratificazione sarà grandissima.
Abbiamo chiamato il nostro amico micologo Mimmo Porcino che, come sempre, si è reso disponibile ad accompagnarci nel bosco alla ricerca di funghi. Mimmo è uno dei pochi grandi esperti calabresi di micologia ed è una persona di un’affabilità ed umiltà uniche. Ha passato con noi una mattinata partecipandoci le conoscenze di base per la determinazione dei funghi trovati. Abbiamo imparato con lui in mezza giornata sul campo molto di più di quello che avevamo appreso sui libri.
E poi abbiamo ripetuto, quasi come a scuola, quello che avevamo appreso, disponendo i funghi trovati su un tavolo e cercando di determinarne la specie seguendo le principali caratteristiche di ogni fungo.

Davvero interessante e da ripetere. Questo, secondo noi, è l’unico modo per imparare davvero.
Insieme a Mimmo c’era uno dei più giovani micologi italiani, Antonio Tripodi, cresciuto sotto le cure di Mimmo è diventato, già molto giovane, un grande studioso e conoscitore della micologia.
Insomma ci siamo davvero divertiti ad imparare e speriamo di poter ripetere l’esperienza molto presto. Grazie Mimmo, grazie Antonio!

4 commenti

  1. Antonio says:

    É stata una piacevole giornata; in questo modo, con una esperienza pratica e un confronto, si può progredire nei meandri della micologia.
    Tanti saluti

  2. gianni croce' says:

    Solo condividendo le conoscenze si puo’ crescere. Un grazie a Mimmo e ad Antonio.

  3. Giovanni says:

    Salve, sarebbe possibile conoscere il gruppo e fare escursioni con voi?

  4. Renzo Curatola says:

    Chiunque voglia mettersi in contatto visivo con noi può farlo. Noi frequentiamo il lunedì e venerdì pomeriggio il Gruppo Micologico Reggino che si trova in via Crocefisso, 34. Quasi sempre in quei giorni siamo presenti.

Lascia un Commento