«

»

mag
20
2013

Il rispetto del bosco e della montagna

2013-05-20 06:51:06

La primavera avanzata spinge molte persone ad andare in montagna per passare qualche ora al fresco… Inizia anche la stagione dei funghi porcini e i cercatori di funghi in montagna aumentano notevolmente. E il bosco comincia a soffrire…
Soffre il terreno che non riesce più a smaltire i rifiuti di ogni tipo lasciati nel bosco  dai soliti idioti; soffrono gli animali che si vedono ridotti notevolmente gli spazi di movimento; soffrono infine gli appassionati della montagna e i ricercatori di funghi che rispettano l’ambiente nel vedere alcuni comportamenti molto scorretti.

Ci rivolgiamo a tutti quelli che frequentano la montagna ponendo loro una domanda e cercando di dare anche una risposta.
Con quali sentimenti bisogna andare in montagna?
Il sentimento più importante è sicuramente quello di un profondo rispetto: rispetto per l’ambiente, per gli animali e per le persone che ci stanno accanto.

Rispetta l’ambiente

Innanzitutto non lasciare rifiuti nel bosco, non rovinare gli alberi scrivendoci sopra, non danneggiare i cartelli che indicano i sentieri, non dare calci ai funghi anche se non li conosci e cerca sempre di lasciare il sottobosco come lo trovi anziché scavare dappertutto. Alcune volte il terreno sembra essere stato attraversato da una mandria di bufali.

Rispetta gli animali

Tutti gli esseri viventi sono legati l’un l’altro e l’uomo è spesso l’unico animale a non capirlo. Se incontri degli animali, non spaventarli, non inseguirli, sono già abbastanza spaventati per il fatto di averti incontrato.

Rispetta il silenzio dei luoghi

Evita di gridare nei boschi o di produrre rumori inutili e dannosi, muovi piuttosto in armonia con tutto il resto.

Rispetta le persone

Innanzitutto rispetta le persone con cui sei entrato nel bosco: non tutti hanno una preparazione fisica adeguata alle lunghe camminate e cerca quindi di aiutare quelle che sono più in difficoltà. Rispetta poi le persone che incontri: è buona norma salutarsi, anche se non ci si conosce, perché per la montagna nessuno è estraneo, nessuno è nemico. Rispetta infine le persone che vi  lavorano.

Queste semplici regole ci permetteranno di poter godere della montagna e dei boschi per sempre. Usale quindi e col tuo esempio diffondile in modo che altri possano prima imparare e poi godere della gioia che la montagna e il bosco ci danno.

Lascia un Commento