«

»

mar
18
2012

Il dormiente si sta svegliando…

2012-03-18 11:36:18

Oggi 18 marzo 2012 è proprio una bellissima giornata di sole e di festa per cui decidiamo di andare in montagna per una passeggiata, considerando però anche la possibilità di trovare qualche primizia di funghi negli spazi salvati dalla neve. La neve sull’Aspromonte è ancora alta ma Gianni, Renzo ed io non ci fermiamo davanti a niente e decidiamo di cercare gli Hygrophorus marzuolus sotto gli abeti che sono orfani di neve. Bastano solo 5 minuti di ricerca e Renzo Popone ci chiama per fotografare il primo fungo trovato. Pensiamo subito: “Chi ben comincia…”. Niente di vero, dopo una piccola famigliola trovata da me e da Gianni, la ricerca diventa infruttuosa. La gioia però è grande e il desiderio di tornare tra una settimana diventa un obbligo: il “dormiente” si sta svegliando…

3 commenti

  1. franco d'aspromonte says:

    Bravi…chi ben comincia è a metà dell’opera . Io sono uscito ieri e non sono stato fortunato ma è valsa la pena , a metà settimana ci riprovo . A presto !!

  2. Giovanni Musicò says:

    Buongiorno,
    mi potreste dare qualche informazione in più su questo fungo?
    Non ho mai raccolto fungi in primavera ma l’idea mi piace.
    Qual è il suo abitat? si raccoglie in alta montagna?

    1. Renzo Curatola says:

      L’hygrophorus marzuolus, volgarmente detto marzuolo o dormiente perché dorme sotto la neve e spunta non appena questa si scioglie, cresce, spesso a famigliole, in diversi habitat che descriviamo come segue:

      Cresce a gruppi in montagna sotto conifere e in particolare Abete bianco, Abete rosso e Pino. Lo si può trovare anche nei boschi misti, con presenza di Abete rosso (Picea Abies) e/o Pino (Pinus) insieme a Querce, Castagni e Faggi, raramente anche sotto sole latifoglie. Il periodo di crescita, di norma, corrisponde con la fine dell’inverno, con lo scioglimento delle nevi e si protrae fino a tutto maggio. Lo possiamo trovare eccezionalmente anche In autunno, qualora ci siano le condizioni climatiche ottimali, prima in montagna e al Nord, poi nelle zone più basse e temperate. Diffuso in aree limitate dell’intera penisola, abbondante e sempre presente nei siti di crescita conosciuti.

      Come vedi è un fungo che cresce un po’ dappertutto ma solo in aree molto limitate: non basta andare in montagna per trovarlo, bisogna anche conoscere i posti. In Aspromonte lo trovi più facilmente quando ci sono faggi e abeti bianchi. È un fungo ottimo ma si nasconde davvero bene tanto da essere considerato uno dei funghi più difficili da trovare. Ma quando lo trovi…

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!